Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


tutto. Conte Chi non sa piangere di dolore, può piangere di rabbia, può contraffare le lagrime. Salvi. Il dolore si aggruppa nel cuore , la rabbia prorompe : io non piango, ma bestemmierò finchè avrò fiato, bestemmierò la turpe credulità , la debolezza ridicola, le ire e gli affetti di un giorno... Conte. Cessate ,cessate una volta : siete ancora in casa mia e non posso...

SCENA X. Detti, Anna poi Maria. Anna. Che avvenne, per amor del cielo ? Cente. Via di quà, signora, via... Maria. (entrando affannata). Per carità, fratello! venendo a questa volta io e Camilla abbiamo udito le vostre ultime parole : la povera fanciulla è svenuta : certo tu sei ingannato. Conte. Oh sì ! atrocemente ingannato. Anna. Ma, insomma, che avve