Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Maria. Mandiamo subito qualcuno.... Conte. Ci vado io stesso.- Voi partite alle quattro, ho dunque tutto il tempo. camilla . Enrico, se accompagnassi mio padre? Salvi. Faresti benissimo, ti divagheresti. Maria. Ma tu devi viaggiar tutta notte, Camilla.... Camilla. Starmene qui ad aspettare nell'incertezza, mi sarebbe peggio.- E poi, se dobbiamo proprio partire sento che lo farò meno mestamente dopo aver riveduto la mia stanzuccia di una volta, e il salotto dove c'è il ritratto della mamma. Conte. Quella povera Anna! quanti tesori essa perde di tenerezza e di felicità! — Andiamo, Camilla, andiamo. (esce con Camila).

SCENA III. Salvi, Maria, poi Matilde. Salvi. Scrivo due righe per affari, e sono da voi, cara