Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


o di chi conosca, bene le faccende mie : voi foste altre volte in diretti rapporti coi miei creditori , essi hanno molta stima di voi, pretendono il vostro nome. Mi capite, signor Salvi, è una cosa delicatissima : quel mio amico è giovane... il mondo potrebbe tradurre una prova di generosa amicizia... Salvi. In una prova d' amore , capisco -il mondo è così cattivo! Matilde. Signor Salvi , porgetemi la mano dalla barriera che ci divide per sempre e sarà l'ultima prova... Salvi. Voi desiderate un atto di fidejussione. Per servirvi bisognerebbe ch'io fossi notaio ; poi che, essendo notaio, non partissi quest'oggi alle quattro... Matilde. Come ! un avvocato non basta per questo ? vedete! ed io credeva che voi foste tutto... Salvi. E non sono nemmeno notaio ! - Ma... da senno, signora Matilde , venir da me per sfuggire a un giudizio temerario... da me ?... Del resto è naturale ! Voi pensaste: L'avvocato Salvi ne sa una, ne può sapere anche un'altra. Matilde. Signor Salvi... Salvi. Ma voi avete decisamente una buona stella. Se fossi notaio a quest'ora saprei il nome del vo