Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


prego. Anna. Non si tratta di ciò, si tratta di porvi in convento per un paio d'anni a fine di farvi sloggiar dal cervello alcune vostre affezioni. camilla Vuoi dunque uccidermi il cuore.... no, no. Allora, quando non t'amassi più, che mi resterebbe sulla terra? Anna. Eh! parlo di certe altre affezioni, di cui dovreste aver vergogna. Camilla E ci son tali affezioni? io non ne ho. Anna. (alzando la voce con collera). Bugiarda! (Camilla si copre il viso con le mani, e piange).


SCENA XI. Anna,camilla, Conte, Maria.


Conte. (entrando). Che c'è, Camilla? Camilla Babbo. Anna. Vostro padre viene a tempo, signorina, a tempo per udire una piacevolissima storiella. - Immaginatevi che questa mattina il signor Salvi m'ha