Pagina:Praga - Le madri galanti.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Barone. (con ischerno). Silenzio, è un segreto- che nessuno lo sappia : vien gente. Collalto Vi domando spiegazione. Barone. Aspettate un poco. 4. Signore. (entrando). Al rialzo o al ribasso? 1.- Signore. Oh! al ribasso, sempre al ribasso, io sono scettico e pessimista, questo è il mio giuoco. 4.° Signore. Sta bene, concluderemo l'affare. (escono per l'altra parte). Barone. Dunque siete un maleducato, signorino. Il rubare in una festa la ballerina ad un gentiluomo è la più grave offesa che gli si possa fare, e voi, signore, mi avete offeso rubandomi la contessa e lanciandomi inoltre una ridicola beffa davanti a tutti con quella specie d'epigramma sui primi e sugli ultimi. Collalto. Ah! ah! mi somigliate terribilmente ad Otello, barone. Barone. Signorino, bad