Pagina:Primi poemetti.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 l’accestire



ii


“Sei lesta, ora?„ “Un minuto anche, Viola„
Rosa corse al telaio, ed il cannello
19vuoto cavò dalla sua liscia spola.

E Viola dicea: “Mamma, il vitello,
lo venderà? Vedeste come viene!
22e, mamma, è così manso, è così bello!

Tra la sua madre e me, vuole più bene,
credete a me„ Rispose ella: “E le tasse?
25Figlia, chi disse pane, disse pene.

Il babbo ha detto: l’acque sono basse...„
E Viola pensava, e la Turella
28mugliava di laggiù, come ascoltasse.

Rosa in tanto ponea la catinella
sotto il bocciolo, e poi levata in piedi,
31vedendo gli occhi della sua sorella,

esclamò: “Meglio non averli, i redi!„


iii


“Ora?„ “Sì: versa a modo: ecco! " Con molle
gorgoglio su la cenere quell’onda
35fredda scorreva tra cerulee bolle;