Pagina:Primi poemetti.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 la sementa



ii


— Tu che nascesti Dio dal piccolo Ave,
dalla sorrisa paroletta alata
19(disse la voce tremolando grave):

tu che nell’aia bianca e soleggiata
eri e non eri, seme che vi avesse
22sperso il villano dalla corba alzata;

ma poi l’uomo ti vide e ti soppresse,
t’uccise l’uomo, o piccoletto grano;
25tu facesti la spiga e poi la mèsse

e poi la vita: fa’ che non in vano
nei duri solchi quella gente in riga
28semini il pane suo quotidïano.

O Dio, neve raffrena, pioggia irriga,
sole riscalda quei futuri steli;
31fa’ che granisca la futura spiga,

o tu cui l’uomo seminò nei cieli! —


iii


Così diceva tremolando grave
la voce d’oro su l’aerea Pieve;
35e gli aratori l’Angelus e l’Ave