Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 103 —

bradlâ. Dô quël di nĕ fossi plů geůs tĕ dlīša i Cagencī, scĕ l corat da Collfòsc nĕ nʼ èss fatt mèssi; şior Ošèp a pa spo ciaffé na rebeccada dal Consistorio dĕ Persenon, quʼ ël nʼ a abů́ assá. Tra les atres coriositès âl ʼchi quë́lla dʼ ešaminè tĕ dlīša i granʼ dalla dottrina e dʼ i dé spo a důtʼ del mosciat. Na resposta quĕ n çérto B….. i ava na òta dé, meríta dʼ èster notada:


Sior Ošèp: Oh tů, B….., inců mësses pa tů respògne dalla dottrina.
B: Bèll dërt, mo chʼ orès pa, quʼ iʼ sáiĕ!
S.O.: Dimĕ mo, èl pa dërt, scĕ n pére dĕ familia sĕ bë́ie ia vigni grós sůllʼ èga dĕ vita?
B: Oh, şior Ošèp, quan quĕ gnis
B: Donca mettède a vérda: Qui quĕ bë́ie, nĕ bë́ie, e qui quĕnĕ bë́ie, bë́ie.
S. O: Quësta è propi na sentë́nza da Salomone ëlla.
B: Quël nĕ sai iů, mo èster èlla pa vëi.
S. O: Spo mësses bèll la despliquè.
B: Quël è pa saorí da fa ël. Odès, scĕ n půrĕ straccion, quĕ më́ssa fa l trògher da Gherdë́na ia e sĕ důra del důt dʼ invér ia per mont, scʼ ël bë́ie datrái n got dʼ èga dĕ vita, spo digès bèll, quʼ ël bë́ie; e scʼ òs atri cioccès důt l di tĕ quëlles bozes, dʼ òs nʼ alsen pa di quĕ boiès no.

Sior Ošèp devë́nta důt cu̥ce tel můs e scolta bèll quīt.


i Cagenci", la vecchia salta fuori come orsa dalla sua tana e lo sgrida di modo tale, che per quel giorno ne ebbe abbastanza. La domenica seguente in chiesa egli le diede una lavata di capo al tempo della spiegazione della dottrina e ne scacciò i genitori e i figli. In tutta quiete essi sortono, non però senza che la vecchia alla porta della chiesa di nuovo lo sgridasse con si validi argomenti, che la gente ne piangeva. Da quel giorno in poi i „ Cagenci " non sarebbero più andati in chiesa, se il curato di CoUfosco non si fosse interposto; Don Giuseppe ebbe dal Consistono di Bressanone riprensione tale, che ne ebbe abbastanza. Tra le altre stranezze aveva anche quella di esaminare sulla dottrina in chiesa la gente già adulta e di dar a tutti dell’asino. Una risposta datagli una volta da un certo B merita essere notata:

Don Giuseppe: Ei, tu, B,

oggi tocca a te rispondere sulla dottrina.

B: Va bene, ma quanto credete,

ch’io ne sappia?

D. G: Dimmi, sta bene, che un

padre di famiglia spenda ogni soldo per l’acquavita?

B: Ah, Don Giuseppe, semi ve