Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 104 —

pa con quë́stes, më́ssi pa propi ves di la oritè.

S. O: Ma dila.
B: Donca mettède a vérda: Qui quĕ bë́ie, nĕ bë́ie, e qui quĕnĕ bë́ie, bë́ie.
S. O: Quësta è propi na sentë́nza da Salomone ëlla.
B: Quël nĕ sai iů, mo èster èlla pa vëi.
S. O: Spo mësses bèll la despliquè.
B: Quël è pa saorí da fa ël. Odès, scĕ n půrĕ straccion, quĕ më́ssa fa l trògher1 da Gherdë́na ia e sĕ důra del důt dʼ invér ia per mont, scʼ ël bë́ie datrái n got dʼ èga dĕ vita, spo digès bèll, quʼ ël bë́ie; e scʼ òs atri cioccès důt l di tĕ quëlles bozes, dʼ òs nʼ alsen pa di quĕ boiès no.

.

Sior Ošèp devë́nta důt cu̥ce tel můs e scolta bèll quīt.

.

Sant Antònĕ da Piccolin.2

Ël passava itĕ per Plaies3 n Marò. Ël alda dallʼ atra pert ca jů sůra Inéšia lamentan e scraian: „Oh, sant Antònĕ da Pa-

nite fuori con domande di questa sorte, bisogna proprio dirvi la verità.

D. G: Dilla pure.
B: Attenzione dunque: Chi beve

non beve, e chi non beve, beve.

D. G: Questa è proprio sentenza

degna di Salomone.

B: Questo noi so, ma pure la

cosa è così.

D. G: Allora bisogna darne la

spiegazione.

B: Questo è facile a farsi. Vedete,

se un povero diavolo, che deve portar cariche fino in Gardena e che sopporta ogni sorta di fatiche sulla montagna, se un tale beve qualche volta un gotto d’acquavita, allora dite già, che è bevone; e se voi altri centellate tutto il giorno dalle vostre bottiglie, non è lecito dire, che bevete. Don Giuseppe diventa tutto rosso in faccia e si tace.

Sant’Antonio da Piccolino.

Un Marebbano passava dentro per Plaies. Dall’altra parte laggiù sopra Inesia egli ode lamentare e gridare:» Oh, sant’An*)

  1. = ted. Traeger (portatore).
  2. Chiamansi così due case a S. Martino.
  3. È questo un bosco esteso fra S. Vigilio e S. Martino.