Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 115 —


çirca davant a 180 aingn le poppácie, quĕ fóa doi gemellíne quĕ taccava adúm alla squèna. Del rest ognuna vivova da sé, rejonava, mangiava, dormiva e alle no viginava nia mél anter dĕ sé. Le a vivú divérši aingn e ʼle savova pa dí dan fora chíĕ quĕ sará col tèmp del noš paiš. “Vegnirá po l tèmp quĕ no sĕ vadagna plu nia colle minérĕ su a Col, in Pošáoz, a Chaorí e in Valparola e i bosc’ del paiš passerá ju per Chaorí e da Jégord ju. Soura i lúoš dĕ Allie e illó fora vegnirá l castigo di Dio.” (Infatti del 1771 é vegnú ju calla mont e a sepolí Allie con tanta gènt tel liéc1, quĕ sĕ véiga adés.) “E quan quĕ nĕ sará plu l vasco da Persenon noš patron, vegnirá dute le misérie e dut’ i vizi soura dĕ nos.”

.

.

La Fedòma e so tosát2.

F: Despéietĕ lĕ chauze!
T:No!
F: Despéietĕ lĕ chauze!
T:No mérĕ!
F: Adés despéietĕ le chauze!


presso avanti 180 anni vivevano le cosidette poppacie, due gemelle attaccate assieme per la schiena. Del resto ognuna vivea da se, parlava, mangiava, dormiva e viveano in buona pace tra di loro. Hanno vissuto diversi anni e sapevano profetare ciò che sarebbe col tempo de’ nostri paesi „ Verrà un tempo, in cui non si ricaverà più nulla dalle nostre miniere a Colle, a Po§aoz, a Caprile ed in Valparola e i boschi del paese passeranno dalle parti di Caprile e di Agordo. Sopra i paesi di Allighe ed i dintorni verrà il castigo di Dio.** (Di fatto nel 1771 piombò giti quella montagna e seppellì Allighe con moltissima gente nel lago, che ora si vede)., E quando il vescovo di Bressanone non sarà più il nostro padrone, ci verranno addosso tutte le miserie e tutti i vizi.

La Livinallonghese e il di lei putto.

L: Cavati le calze!
P: No!
L: Cavati le calze!
P: No, mamma!
L: Ora cavati le calze!
  1. Tanto»liéc* che,ióo* sono in uso.
  2. tosat = tous; cfr. Glos. s. mùt.