Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 114 —


batte l giat, mo l giat sĕ defë́nne quël quʼ ël è bon. “Malan den giat, iʼ orèss pa begn mangiè iů, scʼ iʼ èss té spë́isa: iʼ tʼ orèss begn ʼchi lascé gi a chasa mo pro to pére nĕ růves impó nĕ plů.”

L gran malan da Collfòsc.


Ël fô ti Ladins lʼ aosanza dĕ mëtte tĕ dlīša sů dal gran alté da ůna pért lʼ angiol custódĕ con na creatůra e dallʼ atra S. Miquīl col malan sott ai pīš. Fina quĕ quī da Corvara fô sott Badia, nĕ nʼ avi chamó degůn S. Miquīl e degůn malan, mo despó quʼ ëi è revá sott alla corazia da Collfòsc, spo nʼ ái ʼchʼ ëi ciaffé ůn. Quī da Collfòsc capiva şegn, quĕ so malan sī massa pice per doi lůš. Chi fa? Ëi da so san Miquīl col malan ia Corvara e sĕ fége fa n ater bèll malan plů gran in Gherdë́na bůrt sceque l diao.


Però il gatto non vuol mangiare; il pazzo s’inrabia, batte il gatto, il quale si difende però a tutta possa. „ Bestia d’un gatto, io per vero vorrei ben mangiare, se avessi un costo simile; vorrei ancbe lasciarti andar a casa, però il padre tuo non lo trovi più." Il gran diavolo di Collfosco. Presso i Ladini era in uso di metter nella chiesa sull’altare maggiore da una parte l’angelo custode con un bambino e dall’altra S. Michele col diavolo sotto ai piedi. Finche quei di Corvara stavano sotto Badia, non avevano ancora nessun S. Michele con diavolo, ma dopoché arrivarono sotto alla curazia di Collfosco, anch’essi n’ebbero uno. I Collfoscani capivano ora, che il loro diavolo fosse troppo piccolo per due luoghi. Che fare? Regalano il loro S. Michele col diavolo ai Corvaresi e si fanno far in Gardena un’altro bel diavolo più grande brutto come il diavolo.

Idioma Livinallonghese.

Le poppácie de Lasta1.


Itĕ a Lasta soura la Court – Savéi bén la quĕ l’ è – fova in-

Le „poppacie" di Lasta. Dentro a Lasta sopra la Corte — già sapete ove è — al di

  1. Lasta e C!ourt sono due villaggi al Sud-Ovest di Pieve.