Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 121 —

Na di una Bregóstena volèa íe rompir tĕ mašon dĕ quélla gènt e la sĕ volèa trér da na fenèstra itĕ, mo da itĕ l' era un òn e quèst con na fauce el i á taá via na man e la Bregóstena domanna quèst òn: "Quĕ ès tĕ inon?" e l' òn íe respon: "Istéš." La Bregóstena va a pè dĕ i síĕ con na man taéda via e l’ òn dal bosc la domanna, qui la fatt; la Bregóstena dige: "Istéš ", e l' òn dal bosc respon: "Bèn, istéša l' ábbies tĕ."

mai vist tanti coccolon. ** Un giorno, mentre Tarat era alla caccia, Taraton morì e la Bregòstena gridava: „ Vieni, Tarat, cbe Taraton è morto ". Un giorno volendo penetrare una Bregòstena in un fenile di quella gente cercò d’introdursi per una fenestra, ma dentro e’ era un uomo e questi colla falce le tagliò una mano; la Bregòstena gli domanda:, Quale è il tuo nome?* ed egli risponde: ^Istesao.** La Bregòstena sene ritorna dai suoi con una mano tagliata e l’uomo del bosco le domanda, chi le abbia ciò fatto; la Bregòstena dice: ^Istesso*, e l’uomo selvatico risponde: «Bene, istessa lo abbia. *

Tarata e Taraton.


Qui égn canquĕ gía amó stròz1 stries e Bregóstenes, sa Mazzin tĕ quélla chésa, quĕ i íe dige amó del Vivan2 stašèa Giacum dal Frél e sia vechata Mégna. Lʼ aèa un pè dʼ armentaríĕ i el gia via per la Jeces3 a légna. Tel vegnír dĕ retorn sun pont delʼ Avèiš4 lʼ era semper zèquĕ

Quegli anni che andavano attorno ancora streghe e Bregostene, su a Mazzin nella casa, che chiamano ancora casa del Vivan abitava Giacomo dal Frel e la sua vecchietta Domenica. Egli possedeva un paio di buoi, coi quali andava a Icces a prender legna. Nel ritorno sul ponte

  1. gir stròz = gironzare; cfr. Glos. a. stròz.
  2. Vivan significa uomo selvatico; la femina si chiama Vivéna.
  3. Bosco vicino a Mazzin.
  4. Avèi§, fiume che traversa la valle di Fassa.