Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 122 —

quĕ montèa sulla chéria e nol saèa quĕ quĕ lʼ era. Lajú quèst muiĕ desmontèa e dapó nol vedèa più nia. Na di rua a chésa stenchá e sfadiá, íe conta a sia vechata quĕ zequĕ dĕ cattif monta semper sulla légna fin sun pont e dapó sparèsce e la prèa dʼ un conséi. Ella dige: “Oh mi vechat dal quèr, iè vĕ voi bèn didér.” Què fégela? Indoman lʼ a tóut na féa bièncha e na bruna, e do quĕ la les a abudes benedides, la íe nʼ a dat una per manz e lʼ a ditt: „Tè, béll bo bianc, sta féa bièncha e dut quél quĕ tĕ chéries ména a chésa: tè, béll bo bišo, sta féa bruna e dut quél quĕ tĕ chéries ména a chésa.” Giacum va indó a légna, chéria pèc, ma i manš i a fatt na gran fadia; canquĕ i deslèa, desmonta na Vivéna. Lʼ a stat con ich un chap1 dĕ égn, la era lurénta, nèta e parlèa pèc.


Na di Giacum dal Frél va sulla Val dĕ Sott e canquĕ ʼl è stat fora i Ramons2, el sènt

dell’Avisio c’era sempre qualche cosa, che montava sul carico, senza che egli sapesse, che cosa fosse. Laggiù questo coso (mucchio) smontava, dopodiché egli non vedea più nulla. Un giorno ritorna a casa tutto stanco ed afiaticato, racconta alla sua vecchietta, che qualche cosa di cattivo montava sempre sulla legna sino al ponte e dopo spariva, e la prega d’un consiglio. Ella dice: „0h vecchietto del mio cuore, voglio ben aiutarti io.* Che cosa fa ella? Il mattino seguente prese una fava bianca ed un’altra turchina e dopo d’averle benedette, gliene da una per ogni manzo dicendo:,, Prendi, bel bue bianco, questa fava bianca e tutto quello che carichi conducilo a casa: prendi, bel bue bigio, questa fava turchina e tutto quello che carichi conducilo a casa. " Giacomo di nuovo va a prender legna, carica poco, tuttavia i buoi ebbero gran fatica; allorché gli stacca, smonta una Vivena. Ella rimase presso di loro un paio d’anni ed era laboriosa, netta e parlava poco. Un giorno Giacomo dal Frel va nellaValle di Sotto e quando fu fuori a Kamons, sente sul

  1. cfr. Gloss. s. tlap.
  2. Luogo fra Mazzin e Péra.