Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 129 —


mènt. Candenó1 mia iéva va indó ju, lo tróa zot dĕ na giamma e sémper imbasteá2. Je damanna quĕ quʼ el a, e el no íe vèl dir; ma zacan i è sciampá da íe contér coši: “Na cattiva persona mʼ a fatt un fatturèc e iè son doventá na stria. Da quél di indó è semper cognú fér e gir con élles, e fér del mél alla gènt. Son bèn ruá ènchĕ tĕ Fasša, ma vo no mè èdĕ mai podú vedér; iè son stat in villa ló da vo in vèa dĕ Pésca Tofégna, intant quĕ menaèdĕ lá pégna a magnér buttèr3 con vo e no mĕ èdĕ mai scará.” “Po mat quĕ sièdĕ, quist no lʼ è véra", dige mia iéva, „perchè iè son stata dut lʼ inanmesdí soula a menér la pégna, e mèna quĕ tĕ mèna4, mĕ recórdĕ amó, no son mai stata bona dĕ la fér vegnír; è mettú itĕ na medaa, un crist benedí, èga sénta, iʼ è fatt la tréi crouges dĕ sént Antónĕ, nia no a joá; in ultima la è cognuda quèger fora e no è chapá squéši nia da smauz”. „Po, crèĕ bèn,


gonerie. Mia nonna va nuovamente giti (al Paese), lo trova zoppo d’una gamba e sempre di mal’umore. Gli domanda che cosa abbia, ma egli non vuol dirlo; però una volta sfuggigli di raccontarle così:,TJna cattiva persona m’ha fatto una fattucchieria ed io diventai una strega. Da quel giorno in poi ho sempre dovuto operare ed andar colle streghe e far del male alla gente. Sono arrivato anche in Fassa, ma voi non mi avete mai potuto vedere; sono stato nel vostro villaggio la vigilia dell’Epifania, frattanto che sbattevate la zangola a mangiar crema con voi e non mi avete mai scacciato.* „0h pazzo che siete, questo non è vero", risponde mia nonna,, perchè tutta la mattina fui sempre sola a batter la zangola, e batti e batti, mi ricordo ancora, non fui capace di cavare il burro. Vi misi una medaglia, un cristo benedetto, acqua santa, ho fatto le tre croci di S. Anto*) candenó (quando — de ~ non) = què què no n’è; si usa questa particella, allorché il discorso interrotto da altro ragionamento viene ripigliato.

  1. candenó (quando — de ~ non) = què què no n’è; si usa questa particella, allorché il discorso interrotto da altro ragionamento viene ripigliato.
  2. imbasteà = di cattivo umore, indispettito.
  3. = ted. Butter.
  4. espressione singolare, che ha senso concessivo = ad onta di battere; cfr. provenz, >cerqua que cerca*, Chrestomathie Proven9ale par Karl Bartsch, Elberfeld, 1875, p. 6, v. 45.