Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 130 —


iè vĕ lʼ è magná”, dige el strion. „Ma co èlla pa quĕ sièdĕ zot?" domanna mia íéva. “Spettá, quĕ vĕ cóntĕ”, respon el strion. „Con doi voláanĕ fér vegnír la tampèsta ju per qui da Fontanaz; eráanĕ su lʼ Ausa; ja1 sin2 giánĕ tampestán ju per Borèst, candenó sauta fora el mónèc, déš lʼ Aimaríes colla piccola; intant quĕ quél piccol véiĕ Badiot tĕ calogna con crouges e attʼ proèa dĕ nĕ scarér dĕ retorn su per el Pousin, el mónèc tira tĕ la Carmeliténa3; quista nĕ déš dĕ quél maladètt battillon4 tĕ un gallon tan el gran colp, quĕ nĕ porta dutʼ sulʼ Ausa tĕ na gran sfèssa. No eráanĕ piú bonʼ dĕ sĕ librér, on cognú chamér el diáol, quĕ nĕ a portá sun Sas Lènc5. Amò iniré geon ju veršo Champedéll, ma Don Vaièrĕ nĕ a ja fatt dér outa sora Pian.

nio, ma nulla giovò; finalmente bo dovuto cuocere la crema e non ricavai quasi nulla di burro. „ Eb, credo bene, io ve lo mangiai *, dice lo stregone., Ma, come è poi cbe siete zoppo?* domanda mia zia. „ Spettate, cbe vi racconto (tutto) ", risponde lo stregone. „ Con due altri volemmo far vegnire la gragnuola giù per quei di Fontanaz; eravamo su nell’Ausa; già andavamo tempestando giù per Borèst, allorcbè salta fuori il campanaro e dà colla piccola (campana) i tocchi; mentre quel piccolo vecchio Badiotto6 in canonica con croci ed atti cercava di cacciarci pel Pousiu, il campanaro suona la Carmelitana; questa con quel maledetto battaglio ci percuote le cosce con sì forte colpo, che ci porta tutti nell’Ausa in un profondo burrone. Non eravamo più in istato di liberarcene, così dovemmo chiamar’il diavolo, il quale ci portò sul Sasso Longo. Ancora arrabbiati andiamo giù verso Campitello, ma Don Valerio ci diede la volta già so*)

  1. ja (anche ladino) = lat jam.
  2. sin = se — en (nos — inde).
  3. nome della campana maggiore.
  4. cfr. Glos. s. pantoncèll.
  5. Sasso all’Est di Gardena, chiamato in tedesco: Langkofel.
  6. Prete di Badia, che abitava in Fontanazzo.