Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 131 —


Quél vedè, anda1 Ugéna, lʼ era un bravo per benedir el tèmp. In quélla séra sion gitʼ a chésa. Zacan mʼ è imbattú tĕ un cappuzzin: quél mʼ a librá e adés son squĕ vo, auter quĕ rèstĕ zot, perchè contra i colpes benedii no lʼ è più rimedio.


El Vènt e el Snigolá.


El péster dĕ Bégola da Chanacéi na di dʼ istá lʼ a pará la fèides tĕ la Lasties. In lèngia quél gran Sas da Saléi su lʼ a vedú na sténgia dĕ drappes a siér. El péster lʼ è git via e a pèdĕ lʼ era énchĕ na bélla tóusa. "Què fés tĕ quió?" el la domanna. "Spèttĕ quĕ quiš ertʼ sĕ síĕ", la respòn, "e tu?" — "Iè vérdĕ la fèides da Chanacéi", el respòn. "Vès tĕ stér quió co mè?" dige la Vivéna. "Sĕ no aèssĕ2 la fèides da vardér, squéši quĕ stašèssĕ; ma tu, qui ès tĕ?" el la domanna. "Iè son na Vivéna, è inom Donna Quelína e stáĕ tĕ quiš créppes; iéi, iéi, co mè!" Ella va dant, el do, itĕ per na gran sfèssa. I rua tĕ un gran palaz, con gran cambres, gran fenèstres e bèn mobigliá. "Oh,

prò Pian. Colui vedete, nonna Ugena, era bravo nel congiurare i temporali. Quella sera andammo a casa. Una volta m’imbattei in un cappuccino: colui mi liberò ed adesso sono come voi, solo che rimango zoppo, poiché contro i colpi benedetti non c’è rimedio.


Il Vento e l’Annuvolato.


Il pastore del Comune di Canazei un giorno d’estate condusse le pecore nelle Lasties. Lunghesso quel gran Sasso da Salci vide una stanga con panni ad asciugarsi. Il pastore ci andò e appresso era anche una bella giovane.,Che fai tu qui?" le domanda egli. „ Aspetto, che questi oggetti si asciughino", risponde ella,,e tu?" — „Io pascolo le pecore di Canazei", risponde egli. „Vuoi tu restar qui con me?" dice la Vivena., Se non avessi le pecore da custodire, quasi che ci starei; ma tu, chi sei tu?" domanda egli. „Io sono una Vivena, e ho nome Donna Chelina ed abito fra queste rocce; vieni, vieni con me!" Ella va avanti, egli dietro dentro per un larga fessura. Arri-

  1. anda* propriamente dicono i Gardened, mentre i Faasani hanno»ameda*.
  2. aèssè = èsse,