Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 134 —


dĕ retorn, mo el íe a dat piú aria, va via per qui créppes e rua tʼ insón Sas de Pordòi. La itĕ, tĕ na piccola chésa stašèa el Bregostán dal Vènt; el Vivan, quĕ adés lʼ è doventá el Snigolá, batt tĕ uš; vèn fora la Bregosténa; el la prèa del tor faméi; ella nol vèl e sin va da itĕ e íe dige al Bregostan, quĕ un grišatol dĕ fora volèssa laór. Lo fége gir itĕ e íe domanna, sĕ lʼ é bon dĕ gir corran, quĕ dapó lo tolará a scoér la stua a Donna Quelína, quĕ prèst la è dĕ pért. El Snigolá dige dĕ sci e lʼ è accettá. Cánquĕ Quelína è stata ingignéda, el Vivan bon òra sin va corran, el Bregostán do; quél, lʼ è ruá un gran pèz dant da quist da Quelína e sin sciampa tĕ sott lettiera. Zacan rua el Vènt e scoa la stua; la levarèssa rincura el piccol Vivan; la massera porta la fortáes1; intan quʼ el Bregostán magnèa, Quelína auza el chèf e dige: "Ollá

torno e su, su fino su alla Costa da Vènt. I ladri cominciarono bensì a gridare, che venisse di ritorno, ma egli le diede più aria, va via per quelle rocce e giunge in fondo al Sas di Pordòi. Là dentro, in una piccola casa abitava il Bregostàn dal Vento; il Vivan, che adesso è diventato il Nuvolo, batte all’uscio; vien fuori la Bregosténa; egli la prega di prenderlo (come) servo; (ma) ella non lo vuole e sene torna dentro e dice al Bregostàn, che un grigio di fuori vorrebbe lavoro. Egli lo fa entrare e gli domanda, se è capace di andar’in fretta, che allora lo prenderà a scopare la camera di Donna Chelìna, che presto deve partorire. L’Annuvolato dice di sì ed è accettato.

Allorché Chelìna era preparata, il Vivan di buon’ora sene va correndo, il Bregostàn dietro; colui arrivò lunga pezza pria di costui da Chelìna e sene fugge sotto la lettiera. Finalmente giunge il Vento e scopa la camera; la levatrice rincura il piccol Vivan; la serva porta le fortae; mentre il Bregostàn mangia, Chelìna alza il capo e dice:

  1. fortaa = pasta di farina e uova, che si fa passare pel colatoio con diversi ghirigori nella padella contenente del burro e che si imbandisce in occasione di nozze, di parti ect; cfr. Glos. s. fortaia.