Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 57 —

pedrons fora per spináce e blaves, fin quĕ l pu̇rĕ om tommma ju̇, e ël po pa chamó èster ligher e content, sc’ël nĕ s’a frozzè les giammes e les costes; su̇s mans e l mus è du̇t sgraffedá e ël a pa ma da fa a sĕ desballè1 fora dalles trògnores. L’Orco sen sciampa e lascia n tòf da Dï nes vèrdĕ; per quëš digen: ël tòffa scèque l’Orco.

L’Orco va poi di galoppo passando attraverso arbusti e sassi per pruni e campi di biade, finchè l’infelice cade a terra, il quale può chiamarsi contento e felice, se non gli si sono rotte le gambe e le coste; le mani e la faccia sono tutto graffiate ed egli dovrà ben durar fatica per cavarsi fuori dai cespugli. L’Orco poi sene scampa lasciando un puzzo che Dio cene guardi; perciò si dice: puzza come l’Orco.

L’Orco e l Todësc.

N tè bravatton den todë́sc sĕ la riô ël, sc’an contâ val del’Orco. Ah, mo quël l’a pa paiada. Ël passa na së́ra choc ten lu̇c, olláquĕ l’Orco fóa per solit dĕ nètt dlongia n pontin. L’Orco scomë́ncia a cighè: iùi! Quël mat dĕ todë́sc sĕ më́tte al coionè, mo tĕ quella qu’ël dèora l pontin e passa, vegnel n bòf dĕ vent e ti sciora l pontin tel spinè e i fruzza les costes, qu’ël a abù n pèz da vari. Quël sĕ recorda pa chamó l’Orco ël.

L’Orco ed il Tedesco.

Un tedesco spaccamonte se la rideva, se si raccontava qualche cosa dell’Orco, ma, oimè, egli la pagò cara. Una sera egli passa ubbriaco in un luogo, ove l’Orco solèa starsene durante la notte presso un cancello. L’Orco comincia ad alzar le sue grida: iui, iui! Quel pazzo di tedesco si mette a motteggiarlo, ma nel mentre che apre il cancello e passa avanti, viene un colpo di vento e gli getta il cancello nel dorso rompendogli le coste, cosichè mise un bel pezzo per guarire. Colui si ricorda sempre ancora dell’Orco.



  1. desballè — sballare.