Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 56 —

des, qu’an nĕ les vèga plu̇ e tomma su̇lla dlacia; tĕ quëlla1 alden l’Orco fora dĕ bosc quĕ sĕ la rì dad alt. Ma dër tĕ na òta, an nĕ sa co, èsen fora dĕ strada e rabië́ia incë́rc, an ne sa ollá, per crëp e barrantli; an sĕ stancha du̇ta la nètt e da doman èsen su̇l vèdl post quĕ da së́ra.

quello che fa. Tutt’ad un tratto invece del bel tempo si ha nuvole e pioggia, d’inverno poi l’Orco copre le strade di neve, cosichè non distinguendole più si cade sul ghiaccio; nello stesso momento si ode l’Orco nel bosco prorompere in alte risa. All’improvvisa, non si sa come, si si trova sviato ed errante per ogni dove, in mezzo a rupi ed a pini, affaticandosi tutta la notte, finchè la mattina si è sul medesimo posto, ove si era la sera.

Datrái se më́ttel scèque na picera cògora su̇n strada e appë́na qu’an l’aie passada, crë́scela scèque na gran balla e berdòra dô al viadù2, saltĕ pa co qu’ël òiĕ, manacian del ciaffè sott itĕ e del frachè, fina qu’el tomma mèz mort illó dal spavë́nt e spo alden pa l’Orco sĕ la rian e coionan.

Delle volte fattosi piccola boccia si mette in mezzo alla strada ed appena passatovi alcuno cresce in modo, che diventa una gran palla e rotolone tiene dietro al viandante, cui, comunque corra, minaccia di atterrare e di schiacciare, finchè costui cade mezzo morto dallo spavento, poi si sente l’Orco ridersela e burlarsene.

Inche scèque n chaval a pastu̇ra pon l’odë́i, co qu’ël vegne prò e sĕ smila e ciga scèque i chavai. Mo guai, sc’u̇n s’infidèssa a sente su; appë́na qu’ël l sente, i crë́scel les giammes, e l pu̇rĕ om, qu’è lasùra, nĕ vèga plu̇ la tèrra dĕ sott. L’Orco va spo ia in gallop3, su̇ra ciu̇c’e

Anche qual cavallo sul pascolo si può vederlo, come si avvicini ad uno insinuandosi con lusinghe e nitrito a modo dei cavalli. Ma guai a colui, che osa montarlo, giacchè appena lo sente, gli crescono le gambe, e il povero uomo, che lo monta, non vede più la terra di sotto4.



  1. tĕ quëlla = nello stesso momento.
  2. viadù = viatorem.
  3. invece di “in gallop” si usa più spesso, “a sporòm”.
  4. per la grandezza immensa, che assumeva il cavallo.