Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

II.

Idioma Ladino.

Tradizioni e Racconti.


L’Orco dalla Val.1

Val d’extra2 më́ssi bèll avë́i quï dalla Val; inscí ai ’chi du̇t n’ater Orco quĕ nos atri Ladins. L’Orco dalla Val dë́ssa propi avë́i vai dĕ té quĕ l’Orco fora in Boémia3. Ël a n rï natoral e gent sei të́me scialdi per su̇s scecades. Les patrones dalla Val a pa trés da sĕ lamenté, perchí qu’ël è tan ognért: ël les scéca cër i pongins e les giarrines e les alches, cër la pegna e l fu̇r da pan4, cër la chamena dal latt e l lavé guant e plïge la të́la; ël è pa propio na meséria. L pïce èl per quï qu’è su̇l iadĕ, sc’ëi nĕ chara chi qu’ëi fége. Tĕ na òta èl modè l bèll temp in chalvára e plȯia, d’invér spo tirel pa në́i tles stra-

L’Orco della Valle.

Qualche cosa di particolare quei della Valle già devono sempre avere; così hanno anche tut’altro Orco che noi altri Ladini. L’Orco della Valle secondo si narra è simile all’Orco della Boemia. Egli è di disposizione naturale cattiva e la gente lo teme assai per le sue gherminelle. Le padrone della Valle hanno sempre da lamentarsi delle sue cattiverie: egli le secca coi pollastri, colle galline, colle oche, colla botticella da burro, col forno, colla stanza da latte, col lavar la biancheria e coll’imbiancar la tela; è proprio una miseria. Il peggio tocca a chi è per istrada, se non abbada bene a



  1. “La Val” è un Comune al Nord di Badia.
  2. la parola “extra” si usa ancora di spesso.
  3. l’Orco della Boemia è il Rübezahl.
  4. fu̇r da pan = forno.