Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 60 —

del quirì, a giavè e giavè, mo ëi è dagnòra restá con tan dĕ nès. Scĕ gent gnï da marchè con bestiam dô l’Aimarìa da së́ra e qu’ëlla nĕ stê in compagnia adụm e sĕ recommanà a Dï, fôlla segùda dĕ pèrdĕ du̇ta la nètt e dĕ rabescè tĕ quï barrantli incë́rc, fin qu’an aldï la champana dalla Villa sonan l’Aimarìa da doman; spo fôlla indô su̇n strada e s’intoppava a chasa.

abitanti della Villa tentarono per vero diverse volte di cercarlo, scavavano parecchie volte, ma restarono sempre con tanto di naso. Se la gente ritornava dalla fiera con bestiame di sera dopo l’Avemaria, nel caso che non rimanesse assieme in buona compagnia e si raccomandasse al Signore, era sicura di perdere tutta la notte e d’andar errando fra quei pini, finchè si udisse la campana della Villa suonare l’Avemaria del mattino; allora di nuovo trovatasi sulla strada poteva prendere la via del suo paese.

Na òta fóvel n fant del gran patron da Piazza dĕ Su̇ra, quě fóa zacan l maiù tě Corvara. Ël menava sïs pèr dĕ bòs itĕ pèrt. Fora Pedráces1 bravável, qu’ ël i la ó pa taquè all’Orco, incăso qu’ël l scequèssa. Ditt quëš pë́iel itě da scu̇r e ru̇a a post, mo vè, tĕ na òta devë&#x0301ë́nta i bòs spavi e sen sciampa su̇ vèrs Sassòngher2; ël instë́ss nĕ vèga nia e ël i pè d’èster ten fól. Enter quï saš fora aldel très cigan l’Orco e n tòf fôl illó tan da Orco, qu’ël è tommè ciu̇rn illó zenza plu̇ sĕ descedè inquina l’atre di da do-

C’era una volta un servo del gran padrone di Piazza di Sopra, il quale un tempo fu il più grande di Corvara. Egli menava sei paia di buoi alla volta di casa sua. A Pedraces andò vantandosi, che si misurerebbe coll’Orco, nel caso che venisse a seccarlo. Detto ciò si avvia all’imbrunir della notte, ma giunto sul luogo ecco tutt’ad un tratto i buoi spaventati scampano su verso Sassongher, egli stesso non distingue più niente e sembragli esser’in un sacco. Tra quei sassi sente continuamente il grido dell’Orco; il


  1. Chiamasi così un osteria di Badia, derivando il nome da petrapedracia.
  2. Rupe imponente al Nord-Ovest di Collfosco.