Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 70 —


doi minůtʼ êl passé fora sůra Gherdenácia1 fora e da lonce lʼ an odů́, fin quʼ ël è scomparí fora vérs la Bavíera.


Zacan fôl plů dragons tĕ quiš lécʼ, perchí quʼ ëi mangiâ les bīsces e magari n bó, quʼ ëi sĕ tirâ tĕ léc a fonz. Mo dô quʼ an a mettů́ sů quëlles crůge dĕ fér sůlles crodes, nʼ an pa plů mai aldí nia.



L tešóro dĕ Quérz. 2


Quī dĕ Quérz fova na òta tremèndo ricʼ ëi, e ël nʼ è pa chamó dĕ quī quĕ sta begn. Ëi ava na òta inrescí, quʼ ël fossa n tešóro sůn jů dĕ Quérz sott a n sas itĕ; ël è pa půc passé cent anʼ, quʼ ëi lʼ a ciaffé; da maladë́ttʼ, inscique i Fodòmi è, ai scolté bèll quīt e è geůs dĕ nètt al giavé fora; ël fô na chaldī́ra grana, plë́na dĕ monë́des dʼ or e dʼ argent. Důt sʼ ai despartí in bona pége e bon. Gent sen fageô begn mervo̊ia, co quʼ ëi podèssa důt ten iadĕ fa

era una luce così affocata, che Dio cene guardi. Il bestiame cominciava a mugghiare nelle stalle, e la gente era tutta spaventata; sembrava un fascio di paglia, che tiravasi dietro una coda rossa. In due minuti passò sopra Gherdenacia, rimanendo visibile ancora da lontano, finché scomparve verso la Baviera. Un tempo e’ erano più draghi in questi laghi, i quali divoravano delle pecore od anche qualche bue, che attiravano a se nel fondo del lago. Però dopo che si eressero delle croci di ferro su quei precipizi, non si sentì più mai niente.

Il tesoro di Cherz.

Gli abitanti di Cherz una volta erano assai ricchi, e cene sono ancora di molto agiati. Un giorno vennero a sapere, che sulla cima di Cherz sotto un gran sasso vi era un tesoro; ed in fatti essi lo trovarono avanti un cento anni; da quei furbi che sono i Livinallonghesi essi si tacquero e di notte tempo partirono per scavarlo; era un calderone pieno di monete d’oro e d’argento. Il tutto essi si divisero con buona pace e punto lì. La gente per

  1. Catena di monti fra Collfosco e Badia.
  2. Comune in Livinallongo.