Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 71 —


tan alla grana e fabriquè chases de raùr, què ne fóa insta la moda ta Fodòm.


L tes̀óro de Predazzo.


N půrĕ carigá dĕ Predazzo fô na òta sté a Venezia ed illó sůl pont dĕ Rialto gnivel na òta allʼ an da quī dela scola foscia credá fora i tešóri scognús per l mon. Queš pů́re carigá scolta pro: “Predazzo, valle di Fieme casa tale, sotto il focolare un gran tesoro.” Degůn nĕ savóa, olláque quëš foss. L carigá scolta quīt, nĕ dige nia a degůnʼ, sen vegne a chasa, fége amiçizia coi patrons dĕ quëlla chasa, giava fora sott frogoré l tešoro e i dá sůa pért ai patrons.

La lum di Pontátʼ.


Sů i Pontátʼ dĕ Badia èl dĕ nètt gonót na lu̥m, quĕ jora ia e ca, sů e jů, e tira saltʼ da n lůc allʼ ater; ëlla è dèbla inscique la lu̥m den ciů́c fratt, quʼ an vèga datrai dĕ nètt; inche tĕ cortina la vèghen saltan da na fossa allʼ atra. N caplan, quĕ lʼ â odůda plů gonót, credô, quʼ ël foss na

vero si maravigliava, come tutt’ad un tratto potessero spacciarla così da grandi e fabbricar case, il che non era appunto cosa solita in Livinallongo.

Il tesoro di Predazzo.

Un povero calzolaio di Predazzo avanti tempo era andato a Venezia, ove sul ponte di Rialto una volta all’anno dai negromanti veniva palesato, dove si trovassero i tesori nascosti pel mondo. Il nostro povero calzolaio sente: „ Predazzo, valle di Fieme, casa tale, sotto il focolare un gran tesoro." Nessuno sapeva, ove ciò fosse. Il calzolaio si tace, non ne dice parola a nessuno, sene ritoma a casa, stringe amicizia coi padroni di quel casolare, cava sotto il focolare il tesoro e ne dà la parte convenuta ai padroni

Il lume di Pontat'1.

Sui Pontat’di Badia di notte appare di spesso un lume, che vola qua e là, su e giù, saltellando da un luogo all’altro; esso è un fievole bagliore simile a quello, che emana qualche volta nelle ore notturne da un cespite fracido; anche nei cimiteri sene

vedono girare da una tomba
  1. Monte in Badia.