Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 73 -

don, nĕ nʼ alden pa fètter ater. Les strīs ballava pa zacan tĕ quël bosc e dër bèll podôn aldí da lonce la můšica. Scĕ val viadů́ sĕ lasciâ pa spo ingianné e gī dô alla můšica, i gīla pa stlètta; les strīs l píâ, l tirâ incë́rc, l cioffâ, l spattociâ1 sů bůrt e l lasciâ spo illó mèz mort per strada. An conta quĕ denan quʼ ël gnissa jů quī pedrons dalla pizza dĕ Rescíesa2, ël sī sté illó na gran cittè e quʼ ëlla sī stada sepolida inscique la gran cittè dĕ Sůce dĕ fora da Chastellròtt3. Detrái alden pitan creatů́res sott quī saš itĕ e vèga na lu̥m saltan da n sas allʼ ater. An mina, quĕ questes monts sī rottes jů alla mort dĕ Giešů́, quan quĕ důta la térra termorava.

I strions da Fodòm.


N ric Fodòm da Quérz gnī na òta da dʼ alton tért dʼ Ampë́z ca e růa dĕ nètt sů dô col dĕ Lana tĕ quëlla chasòtta, olláque

Orco. Al meno una volta era così, ma ora che si è fatto un bello stradone, non si sente più quasi mai nulla. Un tempo in quelbosco vi ballavano le streghe e si sentiva ben distinto la musica da lontano. Se poi qualche viaggiatore lasciatosi ingannare teneva dietro alla musica, la non gli passava molto bene; le streghe lo pigliavano, lo tiravano in qua ed in là, lo acciuffavano, lo malmenavano in maniera orribile, finché lo lasciavano là mezzo morto. Si racconta, che prima che precipitassero giù quei sassoni dalla cima di Kescìesa, vi sia stata una grande città e che poi sia stata sepolta come lo fu la grande città di Suce al di là di Castelrotto. Alle volte si odono giovani creature che piangono sotto quei sassi o si vede un lume saltare da un sasso all’altro. Si crede, che questi monti siano cascati alla morte di Gesù, allorché tremò tutto il mondo.

Gli stregoni di Livinallongo

Una volta un ricco Livinallonghese di Cherz nel tempo d’autunno sul tardi della sera Lana tè quella chasòtta, oUàque ritornava d’Ampezzo e si trovò

  1. spattocé sù, è verbo del sostantivo pattiuce; cfr. Glos.
  2. Monte all’Ovest di Sant’Ulrico.
  3. Paese a Sud di Gardena