Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 74 —

valgůnʼ anʼ dō Salvèster Gallister da Brë́nta1 boršâ èga dĕ vita renziana, e sĕ pensa: ël è tan tért, iʼ rèste tĕ chasòtta dĕ nètt. Revè plů dʼ impró quʼ ël fô vèghel n bèll gran fůc e alda rajonan divérši omi per Fodòm, quʼ ël connësce alla ůge. Scebegn quʼ ël nʼ èss sospètt dĕ sort i pèl impó cosa coriòsa dʼ ortè illò a quëllʼ òra ed a quëlla sajon i miů́s omi da Fodòm. Eh, sĕ pensel, olláquʼ ël è quiš, aldi ʼchi iů. Zenzʼ ater val itĕ, ůrta dĕ sů parë́́ntʼ, vigins, důtʼ bonʼ patrons. Alʼ odë́i sĕ sperdovi, perchí quʼ ëi mangiava e boiova scèque tĕ na gran ostëría; da quëš sʼ intennôl, quʼ ëlla nĕ vadĕ colles dë́rtes illó e sĕnʼ ó gi; mo ëi nel lascia sciampé, anzi ëi l fége mangiè e bë́iĕ con ëi, mo alla fin vérs la doman i fégi dé joramë́nt, quʼ ël nĕ dige mai a degůnʼ valc in vita sůa, chi quʼ ël a odú ed aldí illó, e quʼ ël nĕ dë́́ssa mai imbanní ůn sol dĕ quī quĕ fô illó. Inscí l më́tti fora dĕ chasòtta e ten iadĕ nĕ vèghel plů nĕ chasòtta nĕ omi; ël sen vegne dô Col dĕ Lana jů a chasa e illó ʼn vèghel doi dĕ quī medèmmi bèll laoran con sůa gent.

a notte avanzata dietro colle di Lana in quella capanna, nella quale alcuni anni dopo Silvestro Gallister di Brenta bruciavo acqua vita genziana; egli pensò: è tanto tardi ormai, rimango qui nella capanna per questa notte. Giunto più da vicino vi vede un bel gran fuoco ed ode diversi uomini a lui noti dalla voce parlar Livinallonghese. Quantunque non avesse sospetto di sorta, gli sembra tuttavia cosa singolare di trovar là a quell’ora ed in quella stagione i più benestanti di Livinallongo. Eh, pensa egli, dove ci son questi, ci devo esser’anch’io. Senz’altro egli entra, vi trova de’ suoi parenti e dei vicini, tutti padroni agiati. Nel vederlo essi si sbigottirono, perchè mangiavano e bevevano come in una grande osteria; da ciò egli capì, che qualche cosa ci doveva covar e volle andarsene; ma essi non solamente glielo impedirono, ma lo fecero anche mangiare e bevere seco loro, però alla fine verso il mattino lo fanno giurare, che non paleserebbe mai in vita sua ad alcuno niente di ciò che aveva veduto e udito colà, e che non tradirebbe il nome di alcuno di loro. Dopo di ciò essi lo mettono fuori

  1. Gruppo di case a Pieve di Livinallongo.