Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 80 —

na granara enter les giammes e chanta:


Sciára dalla mu̥ra,
Quégora dĕ chu̥ra
Cacca de menin,
Fu̥m sů per chamin.

Spo sálteles sů per chamin e ia inscique lʼ Orco. Inche les vaches di atri mů́geles gonót, mo no quʼ ëlles vai tĕ stalla: ëlles sen sta bèll a chasa ten piz, fége n fasce dĕ corrë́ies, les tacca sů e tlippa la itĕ e ten cůrt álles l pazzon dĕ sott bèll plegn dĕ latt frësc.

N lůc, olláquʼ ë́lles sʼ abbina inche gian è Col Scotòn; ël è quëš n col bèll toron, no gran, quĕ sĕ léva in mèz a n plan. Inche illó vèghen les strīs ballan dĕ nètt e l ballé sĕ tole pa fora dër begn illó sůn quël col, ma dër quʼ el foss dĕ dë́rta gent quĕ ballèssa. Vignůn quĕ passa illó dĕ nètt, ciaffa pa n pů la tremarola, mo l plů dĕ důtʼ i prôi e quëš per la šémpliçĕ rejon, quʼ an vèga ʼchi gonót illó da

convien guardarsene. S’avviano al ballo, quando tutti dormono; allora vanno in cucina, montano sul focolare, mettonsi una scopa tra le gambe e cantano:

Coppa dalla feccia,
Caccole di capra.
Cacca di gattin,
Fum su pel camin.

Poi saltano su pel camino e via come l’Orco. Spesso mungono anche le altrui vacche però senza entrar nella stalla: sene rimangono tutto chiete a casa in un cantuccio, fanno un mazzetto con delle coreggie, le appendono al muro e vi mungono; poco tempo dopo hanno il vaso pieno di latte fresco. Un’altro luogo, ove le streghe amano radunarsi è Colle Scoton; è questo un colle rotondo, non molto grande, che si alza in mezzo ad un piano. Anche là vedonsi la notte ballare le streghe ed il ballo vi farebbe ottimo effetto, purché la gente che vi balla, fosse onesta. Ognuno che vi passa di notte tempo, vien preso da certo tremore, fra tutti gli altri i preti, e questo per la semplice ragione, che non di

1) = ted. Schale. 2)»chura* ai pronunzia nella Valle di mezzo, nelle altre parti chòra. •) menin = min, vezzeggiativo pel gatto