Pagina:Pulci - Morgante maggiore I.pdf/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
376 il morgante maggiore.

134 La novella n’andò con gran furore
     Al re Gostanzo, come la sua figlia
     Era venuta, onde e’ gli crebbe il core,
     E corse incontro colla sua famiglia;
     E tutta la città trasse al romore,
     Come avvien sempre d’ogni maraviglia:
     Ognun voleva il primo abbracciar questa:
     Pensa se ’l padre suo gli fece festa.

135 Ella gli disse: Questo è il conte Orlando:
     E dove e come e’ l’aveva trovata,
     E da’ giganti tolta, e disse quando
     Ed in che modo l’avevon rubata:
     E tutta la sua vita vien contando,
     E come pel cammin l’abbi onorata
     Orlando sempre, insin che l’ha condotta.
     Il re Gostanzo così disse allotta:

136 Quest’ è colui, che ti scampò da morte?
     Quest’ è colui che t’ha dunque prosciolta?
     Quest’ è colui ch’è tanto ardito e forte?
     Quest’ è colui ch’agli altri fama ha tolta?
     Quest’ è colui ch’allegra or la mia corte?
     Quest’ è colui per cui non se’ sepolta?
     Quest’ è colui ch’uccise il fier gigante?
     Quest’ è colui ch’è ’l gran signor d’Angrante?

137 Non cavalca caval miglior barone,
     Nè miglior cavalier porta elmo in testa;
     Non cinse spada mai simil campione,
     Nè miglior paladin pon lancia in resta;
     Non uom tanto gentil si calza sprone.
     Ed abbracciava Orlando con gran festa,
     E la reina e lui lo ringraziorno,
     E tutto il popol suo che gli è dintorno.

138 Or lasciam questi star così contenti.
     Ritorniamo al soldan di Babillona,
     Che non pareva già che si rammenti
     Di quel ch’a Antea promesse sua corona
     De’ due prigion; ma pensava altrimenti
     Di tor subito a questi la persona,
     Prima che sia Rinaldo a lui tornato
     Dal Veglio, dov’e’ sa che l’ha mandato.