Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto ventesimosecondo. 159

84 La nostra legge ciò non ci consente,
     Che quando un si volessi battezzare,
     Noi lo dobbiamo uccider per niente:
     Non sel potendo dinanzi levare,
     Per questo ch’io ti dico, onestamente,
     E pure Antea volendo satisfare,
     Condusselo alla mazza a questo inganno.
     E’ pesciolini a Monaca lo sanno.

85 Però troppo mi son maravigliato,
     Come voi siate stato in tanto errore
     A creder ciò che Rinaldo ha parlato.
     Or non bisogna insegnare al signore,
     Massime avendo il nimico ingabbiato:
     Io vi conforto a tutti fare onore;
     E sopra tutto a questo esser discreto,
     Che ciò ch’io ho detto tra noi sia segreto.

86 E dipartissi questo maladetto,
     E disse fra suo cuor: S’io non son matto,
     Credo che sgocciolato sia il barletto.
     Diliante rimase stupefatto,
     E fece sopra ciò più d’un concetto,
     Come più netto riuscissi il tratto,
     Che rimanessi alla lasca la lontra,
     Chè ciò, che Gan gli ha detto, si riscontra.

87 E come savio, una sera cenando,
     Disse così, ch’è malizioso e tristo:
     Questo baron come si chiama, Orlando?
     Forse che ’l nome ha ancor maumettisto?
     E poi più oltre venía seguitando:
     Non disse nella cena il vostro Cristo:
     Colui che meco nel catino intigne,
     Mi dè’ tradire, anzi ha tradito, e figne?

88 Rispose Orlando: Questo che vuol dire?
     Disse il Pagan: Sanza cagion nol dico:
     Colui c’ha a far, non suol molto dormire,
     Ma sempre investigar del suo nimico:
     Ben sapea ben chi ci dovea venire,
     Ch’a Monaca e Corniglia ho qualche amico:
     Colui ch’uccise il Veglio, quel gigante,
     Mi par poco maggior che Diliante.