Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto ventesimoquarto. 231

109 Vanno per l’aire come uccel vagando
     Altre spezie di spiriti folletti,
     Che non furon fedel nè rei già quando
     Fu stabilito il numer degli eletti:
     Non so se ’l mio Palmier qui venne errando,
     Che par di corpo in corpo ancor gli metti,
     Onde e’ punge la mente con mill’agora
     Esser prima Euforbio e poi Pittagora.

110 E forse qui s’inganna il Tianeo,
     Che si ricorda, dice, esser pirato,
     E come e’ prese un altro in mar più reo,
     E come gentilezza gli ebbe usato.
     Or tu potresti dir qui d’Asmodeo;
     Ed io rispondo ch’egli è figurato
     Il detto della Bibbia, dove e’ narra
     Come egli uccise que’ mariti a Sarra.

111 Dunque Malgigi e gli altri nigromanti
     Ci posson cogli spiriti tentare;
     Ma non poteva uccidere i giganti
     Per arte, o il fuoco i démoni appiccare;
     Potea ben fare apparir lor davanti
     Il bosco, e lor vi potevano entrare
     E non entrar: ch’a nessuno è negato
     Libero arbitrio, che da Dio c’è dato.

112 Potean gli spirti ben portare il fuoco,
     Ma non poteano accenderne favilla;
     Così vo discoprendo a poco a poco,
     Ch’io sono stato al monte di Sibilla,
     Che mi pareva alcun tempo un bel giuoco:
     Ancor resta nel cor qualche scintilla,
     Di riveder le tanto incantate acque,
     Dove già l’Ascolan Cecco mi piacque.

113 E Moco e Scarbo, e Marmores allora,
     E l’osso biforcato che si chiuse
     Cercavo, come fa chi s’innamora:
     Questo era il mio Parnaso e le mie Muse;
     E dicone mia colpa, e so che ancora
     Convien ch'al gran Minosse io me ne scuse,
     E riconosca il ver cogli altri erranti,
     Piromanti, idromanti e geomanti.