Pagina:Quattro canti militari dell'antica Grecia.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search





FRATELLI



Le azioni forti procedono dai forti pensieri; e il corpo ad altro non piega che al voler della mente: esso è la materia sotto lo strumento dell’artefice, che è la mente di quello. Nè il corpo la vince o signoreggia, se non allora che trovala inerte, vuota, e annebbiata da foschi vapori. A forti pensieri assuefatta, ella non può che fortemente volere. A ciò sopperiscono i Canti, ch’io vi presento, tramandatici dall’antica prudenza, dal patriottismo di genti, che a noi furono e sono consorti, primitive e sole, di grandissime glorie, di non minori sventure — le genti di Grecia. Essi appartengono all’umanità