Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20
No s’ gh’à che quel che s’ godNon si ha se non quello che si gode.
Omo alegro il cél l’aiüta — e scherzando si aggiugne: Se ’l borla ’n tèra ’l se rompe la süca. — Anche i Toscani dicono: Gente allegra Iddio l’ajuta.
Öna buna grignada la va ’n tàt sangu’Una buona risata va in tanto sangue — e coi Toscani si direbbe: Il riso fa cuore, Il riso fa buon sangue, Ogni volta che uno ride, leva un chiodo alla bara.
Sento car de malinconéa nó i paga miga ü quatrì de dèbetCento carra di fastidj non pagano un quattrin di debito — dunque
Sèmper alégher e mai passiù — Sempre allegri e mai fastidj.


AMBIZIONE, SIGNORIA.


Du gai sö ’n d’ü polér i pöl miga stagaDue galli in un pollajo non ponno stare — perchè Omnisque potestas impatiens consortis erit (Lucano). I Toscani dicono anche: Amore e signoria non voglion compagnia.
I padrù i völ viga semper resùI padroni vogliono sempre aver ragione.
L’è mèi es padrù magher che servitùr récÈ meglio essere padrone magro, cioè poco ricco, che servitore ricco — e per dirla coi Toscani: È meglio esser capo di lucertola, che coda di dragone.
Saùr de padrù, saùr de merdaSapore di padrone, sapore di merda — perciò i Toscani dicono: Non desiderare i sapori di signori.
Töć vorèf comandàOgnuno vorrebbe comandare.