Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26
nada ai sonadùrTalvolta l’inganno va a casa dell’ingannatore — e figuratamente: Si può far la mattinata ai suonatori, poichè
I ghe borla o I ghe resta a’ i volp vègeAnche le volpi vecchie si pigliano — o come scrisse il Fagiuoli:
Impanian anche le civette, ideste
Talor gabbato resta ancor l’accorto;

essendo che

Öna ’l la pensa l’asen e l’ótra ’l padrù, o ’l mölinérUna pensa l’asino, l’altra il padrone (o il mugnaio); e poi
Nó ’l gh’è ü förbo che nó ghen séa ü piö förbo de lü, che tradotto dal Pananti suona così:
E non si trova mai tanto il gran furbo,
Che non si trovi un più furbo di lui.
Es pò pïàt d’ü cà, es pò pïàt d’öna cagna, l’è l’istèsEssere morsicato (cioè ingannato o danneggiato) da un cane, o essere morsicato da una cagna, è lo stesso.
In ca de làder né s’ga róbaIn casa di ladri non ci si ruba — ed è quanto dire: Tra furbo e furbo non si camuffa; Gli astuti difficilmente restano ingannati. Les voleurs ont des lois et peu d’entr’eux les violent, parce qu’ils s’inspectent et se suspectent. (Helvétius).
Ol diaol al fa la pianata, ma miga ’l coèrćIl diavolo insegna a far le pentole, ma non i coperchi — cioè per quanto i malvagi siano astuti non sempre riescono a coprire le loro frodi.
Ol mond al völ vès inganàtIl mondo vuol essere ingannato — perciò Il mondo è di chi lo sa canzonare. Mundus vult decipi, decipiatur. Fénelon, ne’ suoi Dialogues des morts, ha le seguenti sentenze: Les