Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

27
peuples ont besoin d’être trompés; la vérité est faible auprès d’eux; le mensonge est tout puissant sur leur esprit (Dialogue XXVII).
Per öna olta s’ghe la fa ac a sò paderPer una volta si inganna anche il proprio padre — cioè per una volta si può accoccarla anche a chi ci conosce meglio, ai più avveduti.
Stó mond l’è pié de ’ngagnQuesto mondo è pieno d’inganni — E’ c’è più trappole che topi, più insidie e inganni che persone da insidiare.


AVARIZIA.


Deus in adiutorium mé nó mè n’ intende; mé pader al fa la ròba e mé gh’la ende — e con variante: Mé pader al fa i solć e mé ghe i spende — È come dire: A padre avaro figliuol prodigo; Chi per sè raduna, per altri sparpaglia.
La ròba l’è miga de quei ch’i la fa, ma de quei ch’i la godLa roba non è di che la fa, ma di chi la gode — Un avaro di mia conoscenza, a chi gli dicea che finirebbe col far ridere e godere i suoi eredi, rispondeva: Nello spendere i miei denari godranno, ma non tanto quanto ho goduto io nel metterli insieme.
L’avaro l’è ’l piö poarèt de sto mondIl più povero è l’avaro — Così la pensavano anche gli antichi, ed Ausonio lasciò scritto: Quis pauper? Avarus. Quis dives? Qui nihil cupit.
Nó s’ se porta dré negótDi là non si porta nulla — perchè L’ultimo vestito ce lo fanno senza tasche (Tosc.).