Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

35
discono alla necessità — ma in questo modo non è nè frutto nè merito; conviene fare a sè appoggio di forte rassegnazione (G. Giusti).
Dì mai che nó te gh’ n’è gna üNon dire mai che sei affatto senza denaro — cioè non avvilirti mai col ripetere che tu non hai un quattrino; non piagnucolare, sii onesto e lavora: questa è la via che l’uomo di virili sentimenti batte per procurarsi il suo necessario. Chi pubblica la sua miseria collo scopo di farsi aiutare, potrà avere qualche elemosina, non mai un imprestito; perchè diceva ancora mia nonna:
A ü poarèt i ga impresta negót nissùAd un poverello nessuno impresta — mentre
A ü ’mbrìac töc i ga öl dà de bìfAd un ubbriaco tutti vogliono dar da bere.
In dol bisògn l’è bu tötNel bisogno tutto è buono — e
In mancansa de caai a s’fa trotà di asegnIn mancanza di cavalli si fanno trottare degli asini — Con modo aspro, ma assai espressivo, diciamo anche:
Mèi che negót, ègia balèmMeglio che nulla, vecchia balliamo.
La bolèta gössa l’ talèntIl bisogno aguzza il talento — Il bisogno fa l’uomo ingegnoso; Il bisogno fa prod’uomo. La povertà è destatrice degli ingegni, laddove la ricchezza li addormenta. W. Scott, nella sua Bride of Lammermoor, alla vecchia cieca Alice fa dire: «Necessity is a stern, but an excellent schoolmistress.» Sì, la necessità può essere una eccellente maestra; ma conviene anche ricordare che
La necessità nó gh’à legeLa necessità non ha legge — e che
La fam cassa ’l lüf fò de la tana, e la fa fa di gran laùrLa fame caccia il lupo dalla tana e induce l’uomo a far delle cose che per sua natura non farebbe. I Latini dicevano: Fames multa docet, ma dicevano anche: Fames male suadet.