Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34
Quel che nó s’fa coi bune, nó se ’l fa gna coi catìeQuel che non si fa colle buone, non si fa nemmeno colle cattive — Dove non valgono le carezze, le bastonale non giovano; Il cane s’alletta più colle carezze che colla catena, o col bastone (Tosc.); ed i Francesi dicono: On prend plus de mouches avec le miel qu’avec le vinaigre, che corrisponde al nostro:
As’ ciapa piò tante mosche con d’ü cügià de mél che con d’ü barìl d’asìt — Ed è proprio vero che le mosche si pigliano col miele dacchè mondo è mondo. «Più leggermente passano le parole che vanno per molle via, che quelle che vanno per aspra.» Diciamo anche:
I bune parole i giösta tötLe buone parole acconciano tutto — ed i Toscani: Le buone parole acconciano i mali fatti.
Di olte l’è mèi serà zo ün öc, o dàga del passa làQualche volta è meglio chiudere un occhio — Qualche volta si vuol dar passata (Tosc.), cioè non castigare uno sbaglio. Però anche nella benignità ci vuol misura; quindi:
La prima s’la perduna, la seconda, s’la bastunaLa prima si perdona, la seconda si bastona.
Trop bu ’l völ dì asnùStrabuono vuol dire minchione — «Quando la bontà passa la parte, io la chiamerei buaggine a casa mia.» (Thouar, Le tessitore).


BISOGNO, NECESSITÀ.


A sto mond gh’è nissù de nessessareA questo mondo nessuno è necessario — ed anche:
Mort ü papa, se n’fa ün óterMorto un papa, se ne fa un altro.
Bisogna fa de necessità virtùTutti ubbi-