Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

37
Ol bu töl de mès per ol catifIl giusto ne soffre per il peccatore (Tosc.).
Töć i barù i gh’à la sò diossiù — Ed anche i Toscani dicono: Non c’è putta nè ladrone, che non abbia devozione.


CASA.


Ca sò e pò piòCasa sua e non più — In nessun luogo si sia tanto bene quanto in casa sua; perciò
Piò ontéra ü michèt a ca sò, che Dio sa coss’è ’n ca di óterPiù pro fa il pane asciutto a casa sua, che l’arrosto a casa d’altri — perchè
In ca sò s’ pöl god la libertàIn sua casa si può godere la libertà — e
In ca sò la aca la fa stà ’l bòIn casa sua la vacca fa stare il bue. — In sua casa ciascuno è re, dice il proverbio inglese; e Seneca lasciò scritto: Gallus in sterquilinio suo plurimum potest.
In d’öna ca nöa ’l ga manca semper vergótIn una casa nuova manca sempre qualche cosa — e coi Toscani si direbbe; Casa nuova, chi non ve ne porta non ve ne trova.
In d’öna ca gh’è semper del defàIn una casa c’è sempre da fare — E il proverbio delle buone massaje, le quali trovano pochissimo tempo per dondolarsela e per stare alla finestra.
Öna ca sensa èć l’è compàgn d’öna ca sensa tèćUna casa senza vecchi è come una casa senza tetto — Proverbio che, secondo me, supera in bellezza i seguenti: Beata quella casa che di vecchio sa; Beata quella casa dov’è carne secca (Tosc.).
Per ol stréć de ca no s’ va miga a l’ospedàlPer la ristrettezza della casa non si va all’ospedale.