Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54
Chi ben ciaa, ben desciaaChi ben serra, ben trova (Tosc).
Chi no stópa ü büsì? mìa po’ che ’l stopi ü büsù (Ang.) — Chi non tura un bucolino, bisogna poi che turi un bucone.
Chi sirca, tróaChi cerca, trova — «Chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e sarà aperto a chi picchia» (Matteo, VII, 8).
Quando s’à fać töt quel che s’ pöl, quel che Dio ölQuand’uno ha fatto tutto quello che può, sia fatta la volontà di Dio — Quel che non si può, non si deve, e All’impossibile nessuno è tenuto.
Töc i dé ’nne passa üOgni dì ne passa uno — ed il giorno passato non torna più.
Vià ’l gat, bala ’l ratQuando il gatto non è in paese, i topi ballano — Quando il padrone è fuori, i servi fan quel che vogliono; «I ragazzi sogliono ruzzare alla libera e far casa del diavolo, quando non sono presenti i genitori ed il maestro.» (G. Giusti). Anche gli Inglesi dicono: When the cat is away the mice will play; ed i Tedeschi: Wenn die Katze nicht zu Hause ist, tanzen die Maüse auf Tischen und Bänken.


DONNA. MATRIMONIO.


Ai fomne no ’l ghe la fa gna ’l diaolAlle donne non l’accocca nemmeno il diavolo — e
Coi fomne no ’l ghe la pöl gna ’l diaolNemmeno il diavolo può competere colle donne — poichè
I fomne i ghen sa de piò a’ del diaolLe donne ne sanno un punto più del diavolo — e Astuzia di donna le vince tutte (Tosc.).
A lüsùr de candéla no s’compra gne dòne