Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

53
pagaLa sicurtà non è buona, se non se la paga — In Toscana le cose non vanno diversamente; perciò vi si dice: Chi entra mallevadore entra pagatore, Chi del suo vuol esser signore non entri mallevadore. Ed anche ai tempi di Salomone non era altrimenti poichè lasciò scritto ne’ suoi Proverbi: L’uomo soffrirà certamente del male, se fa sicurtà per lo strano; ma chi odia i mallevadori è sicuro.
Chi impresta e chi zöga perd a’ la camisölaChi impresta e chi giuoca perde anche la camiciola — onde
L’è mèi egn rós che nigherÈ meglio arrossire rifiutando che adirarsi per mancata restituzione.
Erùr nó paga dèbećV. Contrattazioni.
L’è mèi ansà che ì de dà, e quel che s’à de dà ì ’l in scarsèlaÈ meglio essere creditore che debitore, e quel che si ha da dare averlo in tasca.
O pagà, o pregà, o scapàO pagare, o pregare, o scappare.
Sento car de malinconéa paga miga ü quatrì de dèbetV. Allegria.


DILIGENZA, VIGILANZA.


A cus sansa grop a s’cus per ol per negótChi cuce senza nodo, cuce invano — Chi non fa il nodo perde il punto. Lo dicono le cucitrici, e figuratamente vuol significare che alle nostre operazioni non deve mancare tutta l’attenzione, se hanno a riuscire a buon fine.
Ch’à danér da trà vià, di öfre sensa staga ’l faghe fa (Ang.) — Chi ha quattrini da tirar via, tenga l’opre e non ci stia (Tosc.).