Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52
dietro le spalle — la prima ripiena dei vizj altrui e l’altra dei proprj; perciò non vediamo la bisaccia che ci sta sul tergo.
Chi gh’à la rogna, se la grateChi ha la rogna, se la gratti — e i Toscani: A chi dole il dente se io cavi; Ci pensi chi ha l’impaccio.
De la ròba di óter al ne va de per tötDella roba d’altri ne va dappertutto — cioè si consuma senza risparmio.
Impó per ü fa mal a nigùUn pò per uno non fa male a nessuno.
Mort mé, mort töćMorto io, morti tutti — Si dice dell’egoista. «Pur troppo l’uomo nel suo sè meschinissimo e presuntuosissimo sente ribollire questa vana bestemmia: Morto io, morto il mondo!» (Giusti, Epistol.). Un Francese direbbe: Après moi le déluge. Tiberio ripeteva un verso greco che dice: Morto io, vada la terra a fuoco e fiamme. Questo verso è ricordato con orrore anche da Cicerone.
Töć tira l’aqua söl sò mölìOgnuno tira l’acqua sul suo molino — Ognuno cerca il proprio utile; perciò
Töć i magnà i loda la sò bolgiaV. Mestieri.


DEBITI, IMPRESTITI, MALLEVERIE.


A pagà s’è sèmper a tépV. Contrattazioni.
A pagà ü dèbet, a s’fa ü crèdetPagando un debito si fa un credito — ed i Toscani dicono pure: Chi paga debito, fa capitale.
Chi fa di sigürtà, i a pagaChi fa delle sicurtà, le paga — e
La sigürtà nó l’è buna, se nó s’la