Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

51

COSTANZA, FERMEZZA, PERSEVERANZA.


Chi la dura, la vince; ed il nostro Assonica:
Insöma ó intìs a dì com’ as’ la düra
O per tarde o per tép, ch’as’ la guadegna.
Öna góta continüa la büsa la prédaUna goccia continua cava la pietra — Gutta cavat lapidem.
Ol piò l’è a comensàLa difficoltà sta nel principiare — Il più duro passo è quello della soglia.
Per öna bòta no ’l casca l’èrborAl primo colpo non cade l’albero.
Tròt d’asen düra pocTrotto d’asino dura poco.
Ride bene, chi ride l’ultimo — Nella Val Bregaglia si dice: Ci ca ri ’l driàn, ri al da plü — Chi ride l’ultimo, ride di più.
No basta pödì, bisogna ölìNon basta potere, bisogna volere — e
Basta ölì che s’ pöl reüssìBasta volere, si può riuscire — perchè
Quando s’ völ, a s’ pölQuando si vuole, si può — Il Lessona lo ha dimostrato nel suo bel libro intitolato: Volere è potere. Volli e sempre volli e fortissimamente volli: queste parole d’Alfieri dovrebbero essere scolpite nella mente di ogni giovane.


CUPIDITÀ, AMOR DI SE STESSO.


As’ ved i difèć di óter, ma miga i sòSi vedono i difetti altrui, ma non i proprj — perchè
As’ gh’à du sachèi, ü denàć e ũ de dréSi hanno due bisacce pendenti l’una sul petto e l’altra