Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50
La prima s’la perduna, la segonda s’la bastunaLa prima si perdona la seconda si bastona.
Ol barbèl al va dré tàt al ciàr che ’l se brüsa i aleTanto vola la farfalla intorno al lume che vi s’abbrucia le ali.
Ol diaol al fa la pignata, ma miga ’l coèrćV. Astuzia, inganno.
Ol pecàt al gènera la mort — Il peccato genera la morte.
Ol Signùr al lassa fa, ma miga strefàDio lascia fare, ma non strafare — e
Ol Signùr al paga miga töć i sàbaćIddio non paga tutti i sabati — e
Öna i a paga töteUna le paga tutte.
Pecàć vèć, penitensa nöaPeccati vecchi, penitenza nuova — A colpa vecchia pena nuova (Ariosto).
Quando ’l pom l’è marùt, al crodaQuando la mela, o la pera è matura, casca da sè.
S’è töć fiòi di sò assiùOgnuno è figliuolo delle sue azioni — Spagn. Cada uno es hijo de sus obras.
Töć i grop i se ridùs al pètenOgni nodo si riduce al pettine — cioè Ogni mala azione tosto o tardi viene punita, essendo che
As’ rìa semper a ura a fa la penitensaSi arriva sempre in tempo a fare la penitenza — e
La moér del lader la grigna miga semperNon ride sempre la moglie del ladro — perchè le tristizie si scoprono e vengono punite.