Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

57
Chi töl moér in foresteréa, la sò ca la deenta ön’ ostaréaChi mena moglie di lontan paese spesso a’ nuovi parenti fa le spese.
Chi töl moér per inrichìs, i mangia d’la sal per iscödìs la sîtChi prende moglie per arricchire, mangia sale per cavarsi la sete — perchè Chi piglia moglie per denari, spesso sposa liti e guai. Nella Vita di B. Cellini: Tristo a coloro che si vogliono rifare in su la dota della lor moglie. «Veramente chi cerca moglie dovrebbe sopratutto cercare più assai la virtù che quattrini e bellezza; ma oggi pare che si vada per la via opposta; ed è per questa ragione che la pace di molte famiglie finisce spesso col pranzo di nozze.» (P. Pacini, Amore e dote).
Chi öl ol pom, bate la rama; chi öl la fìa (o la sćèta), carense la mamaChi vuole il pomo, batta il ramo; chi vuole la figlia, accarezzi la mamma — Anche il Guadagnoli scrisse: Chi vuol la figlia accarezzi la mamma; e nella Val Bregaglia con leggera variante si dice: Chi vol niciola, sbassa la rama; Chi voi la fìa, dumand’ e la mama.
Di pedàgu a gh’ n’è tance ma di dòne gh’ n’è pocheMolte gonne, ma poche donne — Le donne sono molte, ma le saggio son poche.
Dóe gh’è di campane, gh’è a’ di p ....Dove son campane, sono anche p... — e gli Spagnuoli dicono più velatamente: En donde hay campanas, hay de todo.
Dulùr de fomna morto al düra de l’ös a la porta, ovvero
Dulùr de fomna morta al vé dét de l’ös e ’l va de fò d’la portaDolor di donna morta dura dall’uscio alla porta — cioè Dolor per moglie morta dura poco.
Fomnasse, bocasseFemminacce, boccacce — Le donne vili e disoneste sono anche maldicenti e sboccate.