Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

69
Quando s’è èć bisognerés pödì turnà zuenQuando si è vecchi bisognerebbe potere tornar giovani — cioè da giovani bisognerebbe avere la esperienza che si ha da vecchi. — Dicono bene i Siciliani: Se il giovane volesse e il vecchio potesse, non vi sarebbe cosa che non si facesse.


FALSE APPARENZE.


A lüsùr de candéla ol canèàs al par télaAl lume di candela il canovaccio par tela.
A vestì sö ü pal al par ü cardinàlV. Vesti, addobbi.
L’aparensa inganaL’apparenza inganna — «Essa mostra molte volte quello che è d’assai, dappoco, e quello che è dappoco, mostra d’assai.» (Fr. Sacchetti) — Eppure tutto dì ci lasciamo ingannare dalle apparenze!
L’è miga l’àbet che fa ’l fraL’abito non fa il monaco — e La barba non fa il filosofo; poiché se la barba contenesse giudizio, lo avrebbero anche i caproni; se i capelli lunghi contenessero valentia pittorica, ogni città avrebbe i suoi Raffaelli.
No l’è miga töt or quel che sberlùsNon è tutto oro quel che riluce — perchè Per luser luse anca i oci del gato (Veneto).
Ol diaol no l’è miga xé bröt comè i la depèns, o come i la fa esIl diavolo non è così brutto come si dipinge, come si crede — È simile a quell’altro: Chi vede il diavolo daddovero, lo vede con meno corna e manco nero.
Pari e nó es l’è comè ördì e nó tèsParere e non essere, è come ordire e non tessere — L’apparenza non basta dove abbisognano gli effetti.