Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77
La fortüna bisogna faslaLa fortuna bisogna farselaQuisque est faber suæ fortunæ; e

               Chi non è savio, paziente e forte,
               Si lamenti di sé, non della sorte.

Noi ripetiamo sovente in forma maccheronica:

Seguitur fortüna balücosLa fortuna corre dietro ai minchioni — però quando ci troviamo in imprese difficili diciamo:
Al ga öl coragioCi vuol coraggio; ed Audaces fortuna iuvat, dicevano que’ nostri antenati che divennero padroni del mondo, e coll’audacia e colla forza erano riusciti a legar la fortuna ai loro carri trionfali.
A la fortüna bisogna lassàga semper vèrt öna finestraAlla fortuna bisogna lasciare sempre aperta una finestra — e
La fortüna se l’à de ciapà quando la véSi deve prendere quando viene — perchè
La fortüna la passa i mès ai gambe öna olta a töc, e po’ piòLa fortuna passa tra le gambe a tutti una volta e non più — So che un proverbio dice:
La fortüna la va e la véLa fortuna va e viene — ma bisogna sapere approfittare quando viene, per poter dire un giorno:
Fortüna, fa quel che tó ö; quel che gh’ó üt no tó pö tòmel piòFortuna, fa quello che vuoi; quello che ho goduto non puoi più tôrmi.
La ròba de fortüna la passa comè la lünaLa roba di fortuna passa come la luna — dura poco.
No ocór siflà comè no la völ bif (Ang.) — Non vale fischiare quando essa non vuole bere — Non giovano gli sforzi a chi fortuna vuol essere avversa.
No val miga a cór, basta rià a ura