Pagina:Regno di Sardegna - Patenti 26 aprile 1821.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



2. Che ne sarà pagata a quartieri anticipati la somma di annua vitalizia pensione di un milione di lire nuove di Piemonte, riservandoci inoltre la proprietà e disponibilità de’ nostri beni mobili ed immobili, allodiali e patrimoniali.

3. Che sempre sarà libera per la nostra Persona e famiglia la scelta del luogo, che più Ci piacerà per nostra residenza.

4. Che sempre similmente Ci sarà libera la scelta delle persone, colle quali ne piacerà convivere, o che ne piacerà ricevere o mantenere al servizio della nostra Persona, e della nostra famiglia.

5. Che in tutto, e per tutti gli effetti, s’intenderanno star fermi, e, bisognando, qui confermati gli atti passati già dianzi a favore della Regina Maria Teresa d’Austria nostra amatissima consorte, e delle Principesse Maria Beatrice Vittoria Duchessa di Modena, Maria Teresa Ferdinanda Felicita Principessa di Lucca, Maria Anna Ricciarda Carolina, e Maria Cristina Carolina, nostre amatissime figliuole.

Dato nel Real nostro palazzo di Torino addì tredici marzo mille ottocento ventuno.

VITTORIO EMANUELE

CARLO ALBERTO DI SAVOIA


V. Falletti P.
Reg. prov.
V. Fulcheri
per il p.° Seg.
di Finanze.

V. Corte

Di S. Marzano

Gioachino Cordero di Roburent
D. Benedetto Piossasco di None
Dellachiesa di Roddi
Francesco Amat
Alessandro di Vallesa
Thaone Revel
Di S. Marzano
Brignole
Balbo
Lodi
Alessandro di Saluzzo
Joseph de Gerbaix de Sonnaz
Di Villermosa
Marchese Doria del Maro