Pagina:Regola di S. Agostino per le monache di Santa Caterina della rosa.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Della Procu ratrice. Cap- VI. 41 le due diferete hauerà cura di ammonire la Madre,fe in lei ve- alcun difetto , ò mancamento, ilchefirà con ogni mo- deftia, riuerenza, 8e humiltà, Se non vedendo emendatione, ne auuifi i Signóri Superiori. della procvratrice Capitolo Scfìo. SI elegga ancora vna Procuratrice, difereta , & timorata., di Dio ) la quale tenga diligente conto di tutto quello che in cafa fi riceue , Se Ipende, Se tutti i denari pallino, Se fi {pendino per fua mano, fcriuendo, Se notando elfa tutto quel¬ lo che riceue » e dà. Et ogni mefe dia conto del fuo maneg¬ gio alla Madre Priora, Se alle Diferete . Habbia cura di dar da cucinare cièche di giorno in giorno fi haurà da mangiare, iècondo che la Vicaria le ordinarà, Se mancando cofa alcuna , ne auuiferà ella Vicaria, lenza ordine della quale nondoueràfar comprare colà alcuna.. DELLE NOVITIE ET LORO MAE- ftra. Capitolo Serto. Sia ancora eletta vna diuota, e prudente Madre per Mae- fìra delle Nouitie, la quale fia diligentillìma in ammae- Ararle,5e indrizzarle nella via di Dio,8e quanto farà polfibile, fia giorno, e notte fempre con effe, infegnando lor quello, che nel Monaftero hanno a fare, Se le regole che hanno a offerua- re ; procurando loro tutto quello, che Inaeranno di bifogno, auuilàndole, che da le non chiedono cofa alcuna. Ouunque faranno , fe le vedrà commettere alcun difetto, con cenni, o con parole le auuifi, sì che riconofcano l'errore»' Se nechiodino per dono • Infegni loro a effer’ humili di cuore»' &. 9 %