Pagina:Regola di S. Agostino per le monache di Santa Caterina della rosa.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


cenza, e non servate le conditioni contenute in essa; rivocando perciò tutte, e singole licenze date da Noi, ò pure del detto Prelato sino al presente giorno, e prima del presente ordine. Et acciò non possa da alcuno allegarli ignoranza di questo ordine, in virtù di santa Obedienza, e sotto formale precetto comandiamo alla Priora, e Vicaria pro tempore sotto pena anco della privatione dell’Officio, & inabilità ad ogni altro in futurum, e privatione di voce attiva, e passiva ipso facto, e senza alcuna dichiaratione da incorrersi di fare una volta il mese leggere nel Refettorio alla publica Mensa il presente ordine con tenerne affisso copia alla prima porta della Clausura dalla banda di dentro, alla porta del Coro, e porta de’ lavori, & inserirne altra copia distesamente in fine delle Costitutioni del detto Monastero. Dato dal nostro Palazzo questo dì 21. Novembre 1719.


Nicolò Card. Spinola Protettore.