Pagina:Regole della Giurisdizione e Communità di Segonzano, 1609.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14

Che non si porti pali sopra le spale, fori delle Vigne.

CAPITOLO LIII.


XII. ITem noi statuimo, ed ordiniamo, che niuno doppo che le Vigne sono podate, e palificade, non debbi, nè palli, nè late delle Vigne, ò siano proprij, ò d'altri, pigliar, nè a vender, nè da portar a casa, sino ad altro tempo, che si poda, se anco avesse licenza dal padrone del Vignal, la qual non puol dar, e quello che contrafarà paghi ogni volta delli suoi palli carentani quattro alla Communità, e se sono d'altri, e sia dal dì paghi carentani otto, se sarà di notte paghi il dopio, e refaci il danno al danneggiato, la qual pena l'amità sia applicata alla Communità, e l'altra metà all' accusatore. E nelli premessi abbino a procurar, e proveder li Sindici, ed i loro officiali, e si credi al Saltar, overo a un testimonio di buona fama, ed opinione, e si credi anco al danneggiato, se giurerà lui aver visto, e che li guardiani delle porte siano obligati di tor, e pigliar simile legne alle porte, sotto pena del dopio, e se pigliaranno le legne abbiano l'amitá della pena sopra imposta.


Della