Pagina:Richmond - La figlia del lattaio.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12

ma questi pochi erano ottimi nella lor scelta, e d’essi parlava come persona che ne conosce il valore.

Ravvisai sul suo volto tale un pallore ed una delicatezza che presagivano consunzione; questa idea mi fece supporre che brevi sarebbero i suoi giorni. Difatti, come volle Iddio, morì dopo un anno e mezzo circa dopo la prima volta ch’io la vidi.

Il tempo corse rapidamente e piacevolmente con questa buona famiglia; e, dopo preso un rinfresco cordialmente offertomi da essi e barattati ancor pochi discorsi, pensai bene far ritorno a casa.

“Io vi ringrazio, signore,” disse la figlia, “per la vostra cristiana bontà inverso di me e inverso i miei amici. Credo che il Signore abbia benedetto la vostra visita. Il mio padre e la mia madre se ne ricorderanno, ne son sicura; ed io godo d’aver avuto il bene di ricevere sotto questo tetto, un cotanto amico. Il mio Salvatore usò d’un’immensa bontà inverso di me salvandomi come “un tizzone scampato dal fuoco,” insegnandomi il sentier della pace e della vita. Il desiderio del mio cuore è di veder la gloria di Dio Creatore ed in essa vivere. Ma pure anelo di vedere questi miei cari genitori al par di me rallegrati e confortati dalla religione.”

“Mi pare evidente,” proseguii, “che questa promessa è adempita nel caso loro: al tempo della sera vi sarà luce” (Zacc. xiv, 7).

“Lo credo pur io;” riprese ella, “e lodato sia Iddio per questa beata speranza.”

“Ringraziatelo pure per avervi fatto il benedetto istrumento che li condusse alla luce.”

“E questo ancora io fo, signore; però quando penso alla mia indegnità e insufficienza, mi rallegro e tremo ad un tempo.”

“Signore,” disse il buon vecchio, “son certo che il Signore rimunererà la vostra bontà. Deh! pregate per noi che, vecchi come ci vedete, e peccatori come fummo, desideriamo tuttavia che misericordia ci sia fatta all’undecima ora. La povera Elisabetta lavora assai per amor nostro, o per l’utile tanto del corpo che dell’anima: lavora assai, dico, per risparmiarci fatica; ed io