Pagina:Richmond - La figlia del lattaio.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21

penso alla mia risurrezione e confido d’esserne in qualche modo partecipe, giacché sento che le mie affezioni mi rivolgono alle cose di lassù. Principalmente mi conforta poi, il pensare a Lui seduto alla destra di Dio Padre, difendendo la mia causa, e rendendo utili perfino le mie deboli preghiere, tanto per me come per i miei poveri e cari vecchi.

“Questa è la confidanza che, per grazia di Dio, ho nella bontà del mio adorato Redentore; ed essa mi diede forza e mi fece desiderare di servirlo, di donarmi intieramente a Lui, e di lavorare facendo il mio dovere nello stato in cui gli piacque chiamarmi.”

“Io sarei caduta le mille volte, se la sua bontà non mi avesse sostenuta. Io son sicura che non sono nulla senza di Lui. Egli è il tutto in tutti.

“Ogni qual volta io mi metto sotto la sua protezione, ritrovo novella forza in me. Oh! ch’Egli mi conceda la grazia di confidarmi in Lui anche nel mio ultimo istante. Io non temo la morte, poiché io credo ch’Egli le ha tolto il dardo. Ed oh! qual gioia le va unita! Deh! signore, ditemi se io sono nel vero cammino. Se io domando alcunché al mio cuore, io temo di fidarmivi, giacché più d’una volta m’ingannò; ma se lo chiedo a Cristo, Egli mi risponde con promesse che mi rinforzano, mi danno lena, e non mi lascian luogo a dubitare della sua potenza e volontà di salvarmi. Io sono nelle sue mani ed in esse voglio rimanere, ed io credo ch’Egli non mi vorrà mai lasciare od abbandonare: anzi, sia la sua volontà di perfezionare tutto ciò che è in me. Egli mi amò ed Egli si diede volontariamente a me; or io penso che questo dono e questo amore siano senza pentimento. In questa speranza io vissi, ed in essa io voglio morire.”

Io guardai a me d’intorno, e dissi: “Certamente questa non è che la casa dì Dio, e la porta del cielo.” Il dopopranzo era piuttosto oscuro, a motivo dei gran nuvoloni che nascondevano la volta celeste: ma in questo punto il sole che s’avvicinava al tramonto squarciò il velo che lo copriva, ed i suoi raggi risplendettero rapidamente nella camera in cui ci trovavamo. Questo raggio del sole di ponente era un emblema della lucente e